Categorie
Mondo Pace Persone

Primo: non fare la guerra. Sei cose intelligenti da fare per l’Afganistan, e non solo.

Una riflessione di Flavio Lotti e Marco Mascia pubblicata da Micromega esprime in modo semplice e ‘laico’ una lucida analisi dell’intervento in Afganistan e delle possibili cose da fare in questo ed in altri contesti di guerra.

“Cosa possiamo fare oggi?

Primo. Fare i conti con le conseguenze di questo disastro. E con le nostre accresciute responsabilità. Non c’è nulla di facile. La guerra ha complicato le cose e ridotto gli spazi d’iniziativa. Ciononostante non abbiamo alternative.

Secondo. Salvare la vita di chi oggi rischia la morte. Salvare più vite possibili, ora! Non domani! Dare rifugio a chi sta cercando di mettere in salvo la propria vita. Soccorrere subito chi chiede aiuto.

Terzo. Promuovere il dialogo politico a tutti i livelli, da Kabul all’Onu, per promuovere il rispetto dei diritti umani, a partire dalle donne. Non c’è un altro modo.

Dopo un così grande fallimento, è necessario cambiare strada. Chi non lo vorrà, ci farà pagare un prezzo ancora più alto.